VOI SIETE IN: HOME > COMPAGNIE 2.0 > ADRIATICA NAVIGAZIONE > F/B TINTORETTO (1983-1989)

m/n tintoretto

Foto dalla collezione di Matteo Fasce, Ancona

 

Traghetto

Tintoretto (1983)

Costruzione

Cantieri Navali Apuania, Marina di Carrara, Italia, 1966 - 82

Chiamata radio

ICJA

Numero IMO

6615998

GRT

2.712

DWT

708

Dimensioni

99,98 x 15,02 x 4,34

Motori

2 Fiat GMT 5c, 5.595 kW

Velocità

18 nodi

Passeggeri

860

Letti

368

Capacità automobili

150

Garage

216 metri lineari

Navi Gemelle

 

Porto di registro

Venezia

Bandiera

Italiana

Nomi/Propr. Prec.

Jacopo Tintoretto – Linee Marittime dell’Adriatico 1966-80

Jacopo Tintoretto – Adriatica Navigazione 1980-83

Nuovi Nomi/Propr.

Tintoretto – Marisud 1989-90

Sara I – Baltic Sea Business 1990-93

Farah I – El Salam 1993-94

El Salam 93 – El Salam 1994-95

Farah I – El Salam 1995-96

Gurgen 2 – Gurgen Turizm 1996-02

Demolita ad Aliaga, Turchia 2002

Linea

 

 

Prodotta dai cantieri Apuania di Marina di Carrara, famosi per la costruzione di ottimi ro/pax, inizia i suoi servizi nel 1966 per le “Linee Marittime dell’Adriatico”, compagnia di proprietà dell’armatore Lolli Ghetti, per cui doveva servire la Jugoslavia; nel 1980 la compagnia viene liquidata e le navi acquisite da una compagnia del gruppo Finmare, Adriatica, ripetendo quanto già successo cinque anni prima tra la Si.Re.Na. dello stesso Lolli Ghetti e la Si.Re.Mar. statale. La nave, assieme alla compagna “Tiziano” viene inserita quindi da Adriatica sui propri servizi con la Jugoslavia. Dapprima operante col nome originale di “Jacopo Tintoretto” e con l’originale livrea Adriatica di color bianco con la ciminiera ocra, nel 1983 perde il nome mantenendo solo il cognome di “Tintoretto”; in tale occasione viene anche ridipinta con l’ormai imperante ocra che negli anni successivi troverà solo eccezione nella “Egitto Express”. Utilizzata prevalentemente nel solo periodo estivo, serve principalmente il porto di Bari, collegandolo con la vicina Dubrovnik, ma servendo occasionalmente anche una linea molto particolare, proseguendo da Dubrovnik per Zara e, udite udite, Rimini!!! Negli anni ’80 infatti la cittadina romagnola, più nota ai vacanzieri per le proprie spiagge e discoteche, era anche scalo della piccola “Tintoretto”, linea ben presto abbandonata, forse anche per lo scalo non troppo adeguato (che in caso di condizioni avverse veniva effettuato ad Ancona). L’avventura in Adriatica termina nel 1988, forse in previsione delle nuove navi in costruzione alla Fincantieri e dopo un periodo di noleggio alla sorella Tirrenia sulla Napoli – Cagliari viene poi venduta alla Marisud, compagnia che da Napoli effettua collegamenti per le due isole maggiori italiane, Olbia in Sardegna e Palermo in Sicilia. Anche per questa nave arriva il momento di assaggiare le acque del mar Rosso: nel 1990 inizia a collegare Suez e Jeddah, quindi Aqaba – Suez, poi entra a far parte della “grande famiglia” El Salam come “El Salam 93”. Dal mar Rosso esce indenne nel 1996, quando, venduta ad una compagnia turca, comincia a collegare Trabzon e Sochi come “Gurgen 2”. Tuttavia le “scorie” del Mar Rosso non abbandonano la nave, che nel 2000 prende fuoco ed affonda. Rimessa “in piedi” nel 2002, viene trainata ad Aliaga per la demolizione. Brutta fine per una nave, anche a detta di chi ci ha viaggiato, veramente stupenda.

 

LINEE MARITTIME DELL’ADRIATICO M/N Jacopo Tintoretto – Foto dalla collezione Commis #6466

 

ADRIATICA NAVIGAZIONE M/N Jacopo Tintoretto – Foto dalla collezione Commis #6301

 

adriatica                                  home