Voi siete in: HOME > COMPAGNIE 2.0 > LETTERA “A> AGAPITOS LINES > M/N EXPRESS OLYMPIA (1990-1992)

M/N EXPRESS OLYMPIA

Foto © George Giannakis #6149

 

Traghetto

Express Olympia (1990)

ΕΞΠΡΕΣ ΟΛΥΜΠΙΑ

Costruzione

Jos L. Meyer Werft,

Papenburg Ems, Germania, 1973 – N°570

Chiamata Radio

SXMU

Numero IMO

7310258

GRT

4.477

DWT

1.982

Dimensioni

109,15 x 17,25 x 4,7

Motori

2 CrossleyPielstick 12PC2VMK5, 8.531 kW

Velocità

19,5 nodi

Passeggeri

1.500

Letti

298 in 70 cabine

Capacità automobili

300

Garage

414 metri lineari

Navi Gemelle

Ajman 1 (demolita nel 2004)

Apollo

Boughaz

Fagr (demolita nel 2002)

Ionian Spirit

Jamaa II

Puerto Vallarta

Sinaloa Star (demolita nel 2008)

Porto di registro

Pireo

Bandiera

Greca

Nomi/Proprietari Prec.

Viking 4 – Rederi AB Sally (Viking Line) 1973-80

Earl Granville – William & Glynn Industrial Leasing Ltd 1980-84

Charter a Sealink UK 1980-84

Earl Granville – Sealink British Ferries 1984-90

Nuovi Nomi/Propr.

Express OlympiaAgapitos Express Ferries 1992-00

Express OlympiaMinoan Flying Dolphins / Hellas Ferries 2000-01

Express OlympiaHellas Flying Dolphins / Hellas Ferries 2001-05

Express OlympiaHellenic Seaways 2005

Demolita ad Alang (India) nel 2005 come “Express O”

Linea

 

 

Consegnata alla Viking Line il 16 Giugno 1973 per il servizio Stoccolma - Mariehamn (Aland) - Turku, fa parte di una famiglia di ben 8 navi gemelle costruite ai cantieri Meyer di Papenburg. Cinque di queste prendono i colori Viking Line, consorzio di armatori svedesi e finlandesi operanti tra questi due stati; tre invece vengono costruite per armatori messicani, e delle cinque Viking tre vengono costruite per la Rederi AB Sally delle isole Aland e due per gli svedesi della Rederi AB Slite. A titolo di curiosità, questa nave è stata la sesta di otto navi gemelle, l’ultima delle gemelle costruita per Viking Line e per il proprietario Rederi AB Sally, mentre altra interessante curiosità è il fatto che l’unico armatore membro di Viking Line a non aver ordinato navi al cantiere Meyer, la finlandese SF Line, è l’unica a non essere fallita ed è oggi titolare del marchio Viking Line. Due giorni dopo l’entrata in servizio, il 22/06/73, avviene il primo di una lunga catena di incidenti che affliggeranno la nave durante la propria vita: la nave urta il molo a Stoccolma, senza riportare grossi danni. Nel 1979 è spostata alla linea Kapellskar (nord di Stoccolma) - Mariehamn - Nadendal (sud di Turku). Nel 1980 viene venduta ad interessi inglesi, i quali la noleggiano alla Sealink British Rail, compagnia statale, per venire impiegata nei collegamenti da Portsmouth verso le Isole del Canale, Guernsey e Jersey. Prima di entrare in servizio per Sealink la nave viene sottoposta ad un considerevole refit presso i cantieri Schichau Seebeckwerft a Bremerhaven: i motori originali, due SmitBolnes V314HDK, vengono sostituiti in luogo dei due CrossleyPielstick; due stabilizzatori AEG – Denny Brown vengono montati e anche internamente si notano diverse modifiche: molte cabine e la Cafeteria vengono smantellati per fare posto a poltrone. Il 1981 è decisamente l’ “anno horribilis” della nave: il 10 Giugno è vittima di un black-out, il 22 ha un incendio in sala macchine, il 20 Luglio urta il molo attraccando a Saint Helier, il 9 Settembre infine molte vetture vengono danneggiate a causa di una tempesta. Nel 1984 la compagnia viene acquistata dalla Seacontainers, che la rinomina “Sealink British Ferries”; la “Earl Granville” viene nuovamente sottoposta a refit secondo i nuovi standard “Bateau de luxe” presso i cantieri Aalborg Werft in Danimarca, che includono il ripristino delle cabine e della Cafeteria precedentemente rimossi e il riarredo del ristorante. Reinserita nel traffico per le isole del Canale, vede inserito tra i propri scali anche il porto francese di Cherbourg, dove tra l’altro il 19 Agosto 1989 collide col molo foraneo provocando uno squarcio di 14 metri nello scafo; nel periodo 1984-90 per brevi periodi ha servito anche le linee HarwichHoek Van Holland, tra Gran Bretagna ed Olanda, Liverpool – Dun Laoghaire e StanraerLarne tra Gran Bretagna e Irlanda. Diventata ormai la nave sovrabbondante per la compagnia, nel 1989 pare quasi fatta la vendita alla Mercandia A/S, tuttavia la cosa non va in fondo e la nave viene ceduta a fine 1990 alla Agapitos, che la inserisce sulla Pireo – SyrosParosNaxosIos – Santorini – Anafi. Nel 1993 passa alla Agapitos Express Ferries.In occasione di questo acquisto la struttura a poppa viene aumentata. Nel Novembre 1999 è acquistata dalla Minoan Flying Dolphins, che la impiega abitualmente sulla Pireo - Paros - Naxos - Ikaria - Fourni - Samos. A Settembre 2004 la nave viene posta in disarmo dalla Hellas Ferries, che ne decide la vendita; questa avverrà a Giugno 2005, quando la compagnia ha ormai cambiato il nome in Hellenic Seaways, dove la nave prenderà la via verso Alang, per la demolizione, col nome “Express O”.

           

VIKING LINE M/N Viking 4 – Foto per gentile concessione di Micke Asklander

 

VIKING LINE M/N Viking 4 – Foto dalla collezione di Pieter Inpijn

 

SEALINK M/N Earl Granville – Foto per gentile concessione di Micke Asklander

 

SEALINK M/N Earl Granville – Foto © Brian Fisher, Portsmouth, Giugno 1984 #3599

 

BRITISH FERRIES M/N Earl Granville – Foto per gentile concessione di Micke Asklander

 

SEALINK BRITISH FERRIES M/N Earl Granville – Foto per gentile concessione di Micke Asklander

 

SEALINK BRITISH FERRIES M/N Earl Granville – Foto © Brian Fisher, Portsmouth, Aprile 1987 #3601

 

AGAPITOS EXPRESS FERRIES M/N Express OlympiaFoto © Gunnar Menzer

 

AGAPITOS EXPRESS FERRIES M/N Express OlympiaFoto © Emilio Barenghi, Golfo Saronicos, 1998

 

M.F.D. HELLAS FERRIES M/N Express Olympia – Foto ufficiale Minoan Flying Dolphins

 

M.F.D. HELLAS FERRIES M/N Express Olympia Foto © Pieter Inpijn

 

HELLAS FERRIES M/N Express OlympiaFoto © Sebastiaan Toufekoulas

 

AGAPITOS LINES                       HOME