VOI SIETE IN: HOME > COMPAGNIE 2.0 > ADRIATICA NAVIGAZIONE > Ro/Ro ANGLIA EXPRESS (1976-1990)

ro/ro anglia express

ADRIATICA RoRo Angia Express 01_Jeanburlon 1981

Foto dalla collezione Jeanburlon, Venezia, 1981 #6443

 

Traghetto

Anglia Express (1976)

Charter 1976-78

Costruzione

Hayashikane Shipbuilding & Engineering Co. Ltd.,

Shimonoseki, Giappone, 1976 – N° 1198

Chamata Radio

ITDV

Numero IMO

7517600

GRT

6.779

DWT

4.412

Dimensioni

147,61 x 22,84 x 6,6

Motori

1 Mitsubishi – MAN 16V52-55 4S, 11.768 kW

Velocità

20 nodi (22,4 max)

Passeggeri

12

Letti

12

Capacità automobili

45

Garage

1.150 metri lineari

Navi Gemelle

Hellenic Carrier (demolita nel 2010)

Hellenic Trader (demolita nel 2013)

Italroro One (demolita nel 2011)

Italroro Two (demolita nel 2011)

Porto di registro

Venezia

Bandiera

Italiana

Nomi/Propr. Prec.

Anglia Express – Società Mototraghetti Mediterranea 1976-78

Nuovi Nomi/Propr.

Sicilia – Tirrenia Navigazione 1990-06

Sicilia – Italroro / Puglia Navigazione 2006-07

Italroro Three – Italroro / Puglia Navigazione 2007-06/2011

Demolita ad Aliaga, Turchia 07/2011

Linea

 

 

La “Anglia Express” fa parte della famiglia di tre ro/ro costruiti in Giappone per la Società Mototraghetti Mediterranea, che prima li noleggia per poi venderli ad Adriatica. Le tre navi sono in sostanza gemelle di due precedenti realizzazioni del “Tempio” Hayashikane di Shimonoseki, la “Tokyo Maru” e la “Tomakomai Maru”, costruite per armatori giapponesi, e differiscono da esse per un solo, sostanziale particolare, e cioè l’avere il ponte cargo superiore chiuso, particolarità che costa alle tre “italiane” 150 metri lineari di carico disponibile in meno. La nave comincia a servire le linee Adriatica per il Nord Europa, verso l’Inghilterra (Hull e Felixstowe) e l’Olanda (Rotterdam). Terminato il servizio per il Nord Europa, la nave è stata trasferita ai collegamenti per il Medio Oriente, fino al 1984, quando viene prima noleggiata alla Sitra, per collegare Palermo a Genova e, successivamente, La Spezia, quindi inserita su linee nel Mar Tirreno fino alla vendita a Tirrenia, avvenuta nel 1990, col nome “Sicilia”. Con questo nome, pur rimanendo in evidenza la vecchia denominazione Adriatica, collega principalmente Sicilia e Sardegna, ma prima della sua vendita a Puglia Navigazione, avvenuta nel Settembre 2006 in blocco con le due gemelle, trova modo di svolgere nuovamente una linea ex Adriatica, quella che collega Venezia a Catania. Come “Italroro Three”, nome designato dalla nuova compagnia, deve inaugurare una serie di collegamenti dalla Puglia appunto, nella fattispecie Bari, alla Turchia, ed inizialmente a questa unità tocca la linea che collega Bari a Mersin, nel sud dell’Anatolia, servizio tuttavia svolto principalmente col nome di “Sicilia”, dato che solo nel 2007, con qualche ritardo rispetto alle altre due gemelle, prende il nome scelto dalla Italroro; prima dell’entrata in servizio viene anche sottoposta ad una radicale modifica, lo scoperchiamento del ponte garage superiore, in maniera da renderla più simile alle gemelle greche e più capace. La linea tuttavia non ottiene il successo sperato, principalmente, pare, a causa della sovraestimazione da parte della compagnia del traffico previsto, cosicché dal marzo 2007 la “Italroro Three” assieme alle sue gemelle comincia ad entrare nel mercato dei charter. Tra i tanti servizi svolti, nell’ottobre 2007 la nave viene impiegata in collegamenti da Genova a Rades, Tunisia, per conto della Co.Tu.Nav,  quindi il mese dopo viene noleggiata alla Dimaiolines con un contratto di 6 + 6 mesi per collegare Campania e Sardegna, in particolare Napoli a Cagliari e Napoli ad Olbia. Protagonista di qualche “viaggio della mondezza”, trasportando rifiuti da Napoli alla Sardegna durante l’emergenza che colpì il napoletano nel 2008, affiancando altre ex-compagne dei tempi Tirrenia ed Adriatica. Finito il charter, ricominciano viaggi del tutto eterogenei alla ricerca continua di un nolo, sebbene all’inizio di novembre 2008 la compagnia sia in gravi difficoltà economiche e cerchi un acquirente per le tre gemelle. In partenza da Genova per Lagos, Nigeria, con un carico misto di camion usati e di camion Volvo nuovi, si abbatte sulla nave il sequestro preventivo da parte dell’autorità giudiziaria a causa di un debito non pagato da parte della compagnia armatrice Puglia di Navigazione per 800.000 Euro. Da qui comincia l’odissea dei marinai che decidono di rimanere sulla nave per tutelare i propri diritti, sebbene abbandonati dalla compagnia, e costretti a vivere a bordo grazie alla solidarietà di altri marittimi ed organizzazioni benefiche come la Stella Maris genovese; la stessa Volvo è costretta a pagare nuovamente per poter liberare i camion custoditi nella stiva. Le condizioni vanno via via peggiorando tanto da costringere addirittura il comandante ad ipotizzare il ricorso alla vendita di parti della nave per poter raccogliere fondi per il sostentamento dell’equipaggio ancora a bordo. All’inizio del 2009 si fa avanti concretamente per l’acquisto la compagnia olandese OM Roroline, interessata ad aprire con due delle tre gemelle una linea da Tolone per Sousse, Tunisia, e Tripoli, Libia; nel sito della compagnia compaiono le foto delle tre Italroro, per le quali appaiono anche i previsti nomi di “Lenna” e “Noor”, e si comincia anche a parlare di cifre, inizialmente 20 milioni di Euro per le tre gemelle, cifra rivelatasi inesatta, quindi circa nove milioni per le tre navi, ove però l’accordo salta nuovamente alla definizione dei dettagli. Il 29 giugno 2010 la “Italroro Three” viene messa all’asta dal tribunale di Bari con una base di 3.620.000 ed aumenti a partire da 70.000 Euro; la vendita tuttavia non ha luogo e così la nave viene nuovamente posta all’incanto il 26 ottobre 2010, ribassando il prezzo a 2.896.000 Euro ed aumenti di 60.000 Euro. Anche a questa cifra tuttavia la nave non trova acquirenti e quindi una nuova richiesta di 1.200.000 Euro viene formulata dai broker Ferrando e Massone; nel giugno 2011 infine il rimorchiatore turco “Emre Omur” arriva a Genova per portarla verso la destinazione finale di Aliaga.

 

TIRRENIA RoRo Sicilia 01_Commis

TIRRENIA NAVIGAZIONE Ro/Ro Sicilia – Foto dalla collezione Commis, Genova, 1997 #6451

 

TIRRENIA RoRo Sicilia 04_Seawolf 12Gi05

TIRRENIA NAVIGAZIONE Ro/Ro Sicilia – Foto © Seawolf, Cagliari, 12/06/05 #6454

 

ITALRORO RoRo Italroro Three 03_Personale 07Ot09

ITALRORO – PUGLIA DI NAVIGAZIONE Ro/Ro Italroro Three – Foto © Michele Lulurgas, Genova, 07/10/09 #9125

 

ITALRORO RoRo Italroro Three 09_Personale 27Ma10

ITALRORO – PUGLIA DI NAVIGAZIONE Ro/Ro Italroro Three – Foto © Michele Lulurgas, Genova, 27/03/10 #9295

 

adriatica                                  home

1